Trovare le parole giuste per celebrare la Festa dei Lavoratori oggi, 1 maggio 2020, è veramente un'impresa ardua e difficilissima. In un momento in cui gran parte delle persone non stanno lavorando o hanno dovuto interrompere, sospendere, chiudere, ridimensionare la propria attività a causa dell'emergenza sanitaria che sta interessando tutto il mondo, il bisogno di Lavoro si avverte con più forza degli altri anni. Festeggiare oggi il Lavoro ed i lavoratori sembra quasi un paradosso. Ma anche per la difficoltà del momento storico e la crisi di occupazione che stiamo vivendo è giusto oggi riflettere con piena consapevolezza sul significato del 1 maggio. Per la Festa dei Lavoratori si scelse questa data perché il 1 maggio del 1867 entrò in vigore in Illinois la prima legge che riconosceva la giornata lavorativa composta da 8 ore, una grande conquista per tutti i lavoratori che da sempre hanno lottato per veder riconosciuti i propri diritti. In tutte le Nazioni vi sono stati grandi momenti di tensione, lotte sindacali, scioperi, rivendicazioni che hanno portato al riconoscimento, lento e graduale, del Lavoro e dei diritti dei lavoratori, anche attraverso episodi di sangue. Un avvenimento su tutti, la strage di Portella della Ginestra del 1 maggio 1947 quando i criminali del Bandito Giuliano irruppero nel raduno dei lavoratori uccidendone 11 e ferendone 50. Oggi il percorso non può dirsi concluso, c'è ancora molto da fare. Finché ci saranno persone che ne sfrutteranno altre più deboli attraverso il lavoro nero, le intimidazioni, i soprusi, i ricatti, non possiamo accontentarci del risultato raggiunto. Senza lavoro non vi è dignità ed esso è la base di ogni famiglia, come ogni famiglia lo è di una società che esprime a sua volta uno Stato. La nostra Nazione si fonda sul lavoro, come è scritto nel primo articolo della Costituzione e dovremo lottare tenacemente per uscire da questo complicato momento. Ripartiremo, certamente, ma saremo più poveri e dovremo fare sacrifici come li fecero le generazioni che uscirono dalla Seconda Guerra Mondiale, che costruirono il Miracolo Italiano degli anni '50. Speriamo di essere pronti, umili, laboriosi ed all'altezza di questo compito. Buon primo maggio, buona Festa dei Lavoratori.

Il Sindaco

Andrea Capponi

 

Allegati:

File
Scarica questo file (1maggio.jpg)1maggio.jpg
Torna su